ENGAGEMENT: LA CHIAVE PER IL BENESSERE AZIENDALE

Come una gestione efficace del personale influisce sulla motivazione

0
565

Ci sono alcune aziende/organizzazioni che hanno al loro interno una situazione di scarsa motivazione da parte dei lavoratori, conflittualità e bassa produttività. Questi ambienti, oltre ad essere poco piacevoli e stressanti per chi ci lavora e per chi li deve gestire, rendono anche difficoltosa la strada per il raggiungimento di buone prestazioni. E può compromettere degli obiettivi strategici importanti.
L’engagement infatti influisce in modo significativo sulla soddisfazione dei clienti, sulla redditività e sulla produttività dell’organizzazione.

PERCHÉ E’ IMPORTANTE L’ENGAGEMENT AL LAVORO

importanza engagement

Una vasta ricerca effettuata su 82.000 aziende, 1.800.000 lavoratori di 49 tipologie di settori diversi in 73 paesi del mondo, ha generato dei risultati che dimostrano come le aziende aventi lavoratori più motivati hanno maggiori probabilità di ottenere le prestazioni e i risultati desiderati. In particolare per quanto riguarda fatturato, produttività e profitti. Nel dettaglio si è visto che ci sono i seguenti vantaggi:

  • 10% FIDELIZZAZIONE/COINVOLGIMENTO DEL CLIENTE
  • 21% DI REDDITIVITÀ
  • 20% IN PRODUTTIVITÀ

Oltre a questi risultati rilevanti dal punto di vista economico e dell’efficienza si è visto che, dove si ha maggior engagement tra i lavoratori, si hanno anche: minori livelli di assenteismo, minor conflittualità, maggior propensione all’innovazione e meno incidenti sul lavoro.

UNA GESTIONE EFFICACE DEL PERSONALE PER MIGLIORARE L’ENGAGEMENT

gestione efficace del personale e engagement

L’engagement dei lavoratori è influenzato soprattutto dai manager e dai leader delle aziende/organizzazioni. Sono loro infatti che hanno il compito di gestire efficacemente il personale. A partire dalla loro selezione, dalla gestione delle loro competenze e degli incentivi che modificano la motivazione intrinseca ed estrinseca, il coinvolgimento e l’impegno che i lavoratori mettono durante lo svolgimento dei loro compiti.
Purtroppo spesso però manager e leader non gestiscono al meglio questi aspetti. I motivi sono principalmente due.

Il primo è che sono troppo concentrati su problematiche di tipo tecnico inerenti l’attività specifica, pensando che siano queste le priorità da affrontare e trascurando le soft skill necessarie per mantenere alta la motivazione e il clima aziendale.

Il secondo motivo è che alcuni leader e manager hanno una percezione sbagliata di quello che interessa veramente ai lavoratori. Come evidenziato infatti nella ricerca di cui abbiamo parlato in questo articolo relativo alla relazione tra leadership, gestione del personale e motivazione, c’è una discrepanza tra i dieci valori che i lavoratori ritengono essere i più importanti e quelli che i datori di lavoro e i dirigenti pensano siano.

COS’È L’ENGAGEMENT

Cos'è l'engagement

Se vogliamo definire con precisione cos’è l’engagement possiamo utilizzare la definizione che ne da Gallup, società di ricerca americana che ha studiato il comportamento di milioni di lavoratori di tutto il mondo. Secondo questa società ci sono tre tipi di lavoratori: ENGAGED, NOT ENGAGED e ACTIVELY DISINGAGED.

Prendendo spunto dalla loro definizione possiamo dire che:

ENGAGED

Sono i lavoratori coinvolti, appassionati, che svolgono con impegno il loro lavoro e che partecipano attivamente alla vita dell’organizzazione. Mediamente sono il 13% della popolazione dei lavoratori.

NOT ENGAGED

Sono i lavoratori agnostici. Quelli cioè che svolgono il loro lavoro senza una particolare preoccupazione per i risultati ottenuti, per il lavoro che svolgono o per la soddisfazione dei clienti dall’organizzazione. Pur non avendo un atteggiamento ostile o distruttivo nei confronti di questa. Sono scettici e distaccati nei confronti dell’azienda. Non hanno particolare interesse ad un loro sviluppo professionale e non sono interessati ad essere coinvolti attivamente nei processi dell’organizzazione. Questi sono il 60% della popolazione dei lavoratori.

ACTIVELY DISINGAGED

Sono quei lavoratori che mettono i bastoni tra le ruote. Hanno un approccio negativo nei confronti di ogni iniziativa dell’azienda, non hanno entusiasmo e ne fanno perdere anche ai loro colleghi. Inoltre fanno perdere tempo e si impegnano attivamente per peggiorare il clima aziendale. Questi mediamente sono il 27% della popolazione dei lavoratori.

SU QUALI SKILL LAVORARE PER SVILUPPARE LA MOTIVAZIONE DEI LAVORATORI

Le skill per l'engagement

Ci sono otto skill sulle quali lavorare per migliorare il livello di engagement dei lavoratori e quindi le prestazioni dell’azienda/organizzazione. Tramite lo sviluppo di queste otto skill che un leader o manager deve avere, riesci a:

  • Ottenere il meglio da ogni situazione e persona con la quale hai a che fare;
  • Definire una buona strategia dopo aver analizzato il contesto interno ed esterno, per coglierne le opportunità e minimizzarne le minacce. Questo ti permetterà di fornire una visione avvincente del futuro, per ispirare e motivare i tuoi collaboratori;
  • Stimolare le persone a seguire degli obiettivi comuni e far capire l’importanza del lavoro di squadra;
  • Essere un buon esempio, dimostrando di essere affidabile ed integerrimo;
  • Gestire efficacemente le prestazioni dei tuoi collaboratori e comunicare chiaramente le tue aspettative per riuscire ad ottenere da loro le migliori performance;
  • Fornire supporto e stimoli ai tuoi collaboratori per ottenere il giusto grado di motivazione;

Vuoi sapere quali sono queste otto skill e valutare il tuo livello attuale? fai il test.

COME MISURARE L’ENGAGEMENT

Come misurare l'engagement

Come abbiamo visto, un miglioramento di questa variabile porta anche ad un progresso significativo delle prestazioni dell’organizzazione. Considerata quindi l’importanza dell’engagement, riteniamo sia fondamentale misurarne periodicamente l’entità. Questo allo scopo di lavorare sugli elementi che influiscono sul suo livello e svilupparli continuamente.

Per poterlo misurare quindi abbiamo sviluppato un insieme di quindici domande per valutare il grado di realizzazione, all’interno dell’organizzazione, dei valori che i lavoratori ritengono maggiormente importanti. In questo modo si può misurare la loro soddisfazione nei riguardi dell’azienda e il loro conseguente engagement.

Se questo sistema per la misurazione del livello di engagement presente in azienda ti interessa, contattataci per maggiori informazioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here