COMUNICAZIONE NON VERBALE: IL VERO MESSAGGIO CHE MANDI

Ovvero quello che gli altri recepiscono davvero

0
537

La comunicazione non verbale, o linguaggio del corpo è, dei tre canali (verbale, para-verbale e non verbale) quella che pesa maggiormente nel tuo messaggio. Cioè è quella che ha maggior importanza. Perché? perché è da questa che ci facciamo veramente un’idea di cosa ci sta comunicando davvero l’atra persona. In seguito ti mostrerò i risultati di uno studio che rivelano qual è il peso, in percentuale, di ognuno di questi tre componenti della comunicazione. E ti stupirai nello scoprire gli esiti.

Per ora voglio solo invitarti a riflettere su questo esempio: fai conto che sei un venditore o un imprenditore e hai un appuntamento con un nuovo cliente che ti vuole parlare della sua azienda per verificare se c’è la possibilità di costruire un rapporto di collaborazione. Durante il colloquio, il titolare di questa tua potenziale azienda cliente, inizia con con discorso introduttivo riguardante la loro storia. E mentre ti racconta come sono partiti, con quali prodotti e servizi, chi sono stati i pionieri che hanno dato il via all’azienda tu con la comunicazione verbale affermi che la cosa è molto interessante, che la trovi una bella storia, che trovi eroiche le persone che l’hanno fondata.

Ma mentre dici ciò il tuo viso è quello di un individuo annoiato, ti scappano alcuni sbadigli, ogni tanto guardi l’orologio, ti arrivano messaggi sullo smartphone e senza farti problemi ti metti a guardare di cosa si tratta e rispondi pure.

Di conseguenza cosa pensi crederà il tuo interlocutore? che credi davvero a quello che hai detto oppure sarà certo che stai fingendo? in fondo i tuoi gesti e comportamenti dimostrano altro!

Ricorda che la comunicazione è davvero efficace quando il verbale, il para-verbale e il non verbale sono coerenti tra loro.

Ma ecco di cosa ti parlerò in questo articolo:


IN QUALI OCCASIONI DOBBIAMO USARE EFFICACEMENTE IL LINGUAGGIO DEL CORPO

Innanzitutto è bene che tu sappia che è impossibile non comunicare. Qualsiasi cosa noi facciamo o non facciamo comunica agli altri qualcosa. Anche quando stiamo in silenzio, quando stiamo seduti o in piedi, quando assumiamo certe posture piuttosto che altre, quando il nostro viso manifesta certe espressioni, magari inconsapevolmente, quando facciamo certi gesti con le mani. O con i piedi. Insomma, consapevolmente o inconsapevolmente, volontariamente o involontariamente, stiamo sempre comunicando qualcosa agli altri. E siccome la comunicazione è un fattore determinante per la quantità e la qualità di relazioni che abbiamo, professionali e private, è importante gestirla efficacemente. Soprattutto in quelle occasioni dove questa è fondamentale per l’esito dell’attività che dobbiamo fare. Ad esempio quando dobbiamo:

  • Manifestare carisma per renderci interessanti, coinvolgenti o simpatici;
  • Fare delle presentazioni in pubblico;
  • Convincere qualcuno della validità dei prodotti/servizi che gli stiamo proponendo;
  • Fare una trattativa e negoziare;
  • Manifestare empatia nei confronti di una persona;
  • Persuadere qualcuno;

Come vedi le occasioni in cui è necessario comunicare efficacemente sono molte e davvero importanti. E quindi in queste occasioni saper usare al meglio la comunicazione non verbale, o linguaggio del corpo, è fondamentale. Perché? come ti ho detto nella premessa questa rappresenta la componente di maggior peso delle tre che caratterizzano la comunicazione nel suo complesso. Ma in quale misura? secondo uno studio fatto il linguaggio del corpo “pesa” nella comunicazione per il 55%. Mentre la comunicazione para-verbale il 38% e la comunicazione verbale solo per il 7%!

PERCHE’ LA COMUNICAZIONE NON VERBALE E’ DAVVERO IMPORTANTE

Ma perchè la comunicazione non verbale è così importante? innanzitutto perchè, come abbiamo visto nell’esempio introduttivo, in presenza di messaggi contrastanti tra comunicazione verbale e non verbale è quest’ultima a prevalere. Quindi ricordati che il tuo interlocutore, istintivamente, dà più importanza al tuo linguaggio del corpo che alle tue parole (così come lo fai anche tu nei confronti degli altri). Questo è il primo importante motivo. Guardate l’immagine che vi ho riportato sotto. Vedete la quantità di messaggi ed emozioni che riusciamo a comprendere semplicemente guardando le espressioni e le posture delle persone presenti? Un immagine, una postura o un’espressione valgono mille parole!

Un esempio eloquente di linguaggio del corpo

Un’altra importante ragione che giustifica l’importanza della comunicazione non verbale è che questa enfatizza, potenzia, valorizza il tuo messaggio. E di conseguenza quest’ultimo arriva più forte e chiaro. Aumentando così anche le probabilità di “andare a segno”, raggiungere il tuo obiettivo, se ne hai uno da raggiungere. Come ad esempio convincere o affascinare il tuo interlocutore.

Infine ti riporto un altro fondamentale motivo per il quale il linguaggio del corpo è importante: il messaggio che diamo noi con il linguaggio non verbale che usiamo suscita una reazione, positiva o negativa, di apertura o di chiusura nella persona con la quale stiamo comunicando. E quindi influenza molto ciò che otteniamo attraverso la comunicazione con il nostro interlocutore. Di conseguenza cerchiamo di usare un linguaggio del corpo positivo se vogliamo avere una risposta positiva dalle persone con le quali interagiamo.

CHI DEVE SAPERLA UTILIZZARE AL MEGLIO

Da quanto abbiamo già detto sopra è evidente che saper usare al meglio la comunicazione non verbale è una skill utile un po’ a tutti. Da utilizzare sia in ambito privato che sul lavoro. Per quanto riguarda quest’ultimo però, ci sono delle professioni che dovrebbero saper usare questa abilità meglio di altre. Quali ad esempio:

  • Formatori;
  • Manager;
  • Coach;
  • Venditori;
  • Imprenditori, liberi professionisti;
  • Commercianti;

La comunicazione non verbale inoltre, fa parte dell’insieme delle capacità e competenze relazionali. Indispensabili per le figure professionali sopra elencate. Quindi se sei tra questi ti consiglio il seguente E-book gratuito:

L’ebook gratuito in PDF per le skill relazionali e la comunicazione persuasiva

Scarica questo PDF gratuito se vuoi capire quali sono gli strumenti per:

Suscitare interesse e seguito;
Fidelizzare il cliente;
Potenziare la comunicazione per conversazioni efficaci e convincenti;
Trasmettere professionalità, fiducia, competenza;
Imparare a comprendere intenti, aspettative e pensieri degli interlocutori osservando sguardi, segni,  posizioni e movimenti;
Imparare a parlare in pubblico in modo efficace e convincente;

SCARICA LA TUA COPIA GRATUITA

CLICCA SU AVANTI PER SCARICARE

 



COSA RIGUARDA IL LINGUAGGIO DEL CORPO

Ma esattamente di cosa stiamo parlando? cos’è di preciso il linguaggio del corpo? cosa rientra nell’ambito della comunicazione non verbale?

Ebbene, questa riguarda:

Il rapporto del nostro corpo con lo spazio circostante. E la relativa gestione di quest’ultimo;
Quanto spazio lasciamo tra noi e le altre persone, dipendente dal tipo di rapporto esistente;
La manifestazione del nostro temperamento e del tipo di persona che siamo. Che si esprime in atteggiamenti, gesti e posture;
Le espressioni del viso;
I cenni del capo;
Il look che adottiamo;

ECCO COME INTERPRETARE E USARE IL LINGUAGGIO DEL CORPO

Vediamo ora alcuni esempi, con i relativi significati, di alcuni gesti, posture o atteggiamenti significativi. Ci sarebbe molto da dire su questo argomento e molto è stato scritto a riguardo della comunicazione non verbale, alcune cose anche in contraddizione tra loro. Perciò, anche volendo, sarebbe impossibile trattare in modo completo questo argomento in un articolo. Ti riporterò quindi solo alcuni esempi che ritengo rilevanti, con la promessa di sviluppare e approfondire in seguito l’argomento.

COSA DICIAMO CON GLI OCCHI

Gli sguardi ci permettono di entrare in contatto con una persona e di creare con essa un rapporto. In un certo senso si parla con lo sguardo. Inoltre si possono mandare messaggi molto forti, relativi ad emozioni di vario genere. Può essere ad esempio uno sguardo minaccioso quando vogliamo manifestare completo disaccordo o rabbia per quello che sta succedendo. Ma uno sguardo può anche esprime gioia nel vedere una persona a cui teniamo. Oppure interesse, ad esempio quando guardiamo il pubblico con il quale stiamo comunicando cercando di capire le emozioni e lo stato d’animo delle persone presenti.

COSA DICE LA STRETTA DI MANO

Anche la stretta di mano dice molto sulla persona. Una stretta di mano forte in genere ci comunica un altrettanto carattere forte e deciso. Così come una stretta di mano “fiacca” indica una persona dal temperamento timoroso, insicuro o pigro.

Ci sono poi le strette di mano che tendono ad avvicinarci o ad allontanarci dall’altra persona. La stretta che respinge indica che l’altro vuole tenerci a distanza, probabilmente perché è una persona riservata che ha bisogno dei suoi spazi. Mentre la stretta di mano che ci avvicina è indice di una persona che sta cercando di entrare più in confidenza con noi, che vuole stabilire un rapporto più affettivo e personale.

Anche il verso del palmo della mano durante la stretta ha un significato importante. Il palmo rivolto verso il basso indica una persona dominante che ha l’abitudine di comandare. Al contrario il palmo verso l’alto indica un atteggiamento di debolezza di una persona sottomessa. Quando invece i due palmi delle mani che si stringono sono in posizione verticale significa che è una stretta alla pari tra due persone che si stimano e rispettano.

COSA DICONO LE BRACCIA

I movimenti compiuti con la parte superiore del corpo, con le braccia e le mani rappresentano la parte più importante della comunicazione non verbale. In particolare i gesti delle braccia sono molto importanti in quanto producono messaggi forti quali chiusura/apertura, difesa/accoglienza relax/tensione, sincerità, credibilità oppure falsità o persona che ha qualcosa da nascondere. Vediamo alcuni esempi:

Il più classico è quello delle braccia incrociate o braccia conserte davanti al busto. Questo gesto indica una volontà di chiusura o difesa, magari tra estranei. Oppure indica che si vogliono prendere le distanze dal nostro interlocutore, probabilmente perché non si è d’accordo con ciò che sta dicendo. Indica inoltre una certa riluttanza ad ascoltare senza riserve l’altra persona. Quindi quando vediamo il nostro interlocutore con le braccia incrociate facciamo scattare un campanello d’allarme e cerchiamo di “sciogliere” l’altra persona se vogliamo costruire una comunicazione più efficace e costruttiva.

Le braccia aperte, al contrario, indicano una persona rilassata, che non è sulla difensiva ed è disponibile a ricevere con spirito aperto il nostro messaggio. In particolare braccia aperte con palmi delle mani rivolte in avanti verso il tuo interlocutore indica che sei una persona sincera e credibile, che vuole interagire in modo positivo con gli altri.

Le braccia che coprono invece, quelle cioè con i gomiti alti, le mani all’altezza del petto con i palmi delle mani rivolte verso di sé, indicano l’atteggiamento di una persona che non si vuole esporre, che non lo ritiene necessario. E’ quindi un gesto da evitare.

COSA CI DICE LA DIREZIONE DEI PIEDI

Un altro importante elemento a cui vale la pena porre attenzione è la direzione dei piedi della persona con la quale stiamo interagendo.

Ad esempio se stiamo avendo un colloquio con una persona durante una trattativa, guardando la direzione dei piedi (come se fossero una freccia) possiamo capire le reali intenzioni del nostro interlocutore.

Così come quando stiamo parlando con una persona che reputiamo interessante e vogliamo capire se ricambia o meno l’interesse che noi proviamo per lei possiamo guardare cosa succede ai suoi piedi (quasi sempre inconsapevolmente) durante la conversazione.

E’ interessante fare attenzione a questo aspetto anche ai gruppi di persone che si trovano in piedi a parlare tra loro. Si riescono infatti a capire i rapporti, le dinamiche presenti e che si stanno svolgendo all’interno del gruppo.


Questo è tutto. Se vuoi ringraziarmi per il tempo speso per la condivisione gratuita di questo contenuto dammi un feedback con una tua valutazione cliccando da 1 a 5 stelline delle stelline che trovi sotto.
Se inoltre pensi che può essere d’aiuto a qualcuno dei tuoi conoscenti, condividi l’articolo cliccando sulle icone social che trovi più sotto.
Grazie

1 Star2 Star3 Star4 Star5 Star (5 votes, average: 4,60 out of 5)
Loading...

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here