CAPACITA’ E COMPETENZE RELAZIONALI

Per rapporti migliori con gli altri e maggiori entrate

0
2702

Capacità e competenze relazionali sono sempre più importanti. Anzi, sono già ora sicuramente le più importanti. Queste sono il cuore delle soft skill, di quelle competenze trasversali che determinano il successo in ambito professionale.

importanza capacità e competenze relazionali nel lavoro

Sappi infatti che, da uno studio svolto dall’università di Harvard è risultato che il successo professionale è determinato per l’85% dal possesso di soft skill, mentre le competenze tecniche specifiche contribuiscono a questo solo nella misura del 15%.

Concetto ormai chiaro alla maggior parte dei professionisti e delle aziende moderne ed evolute.

Ma vediamo quali sono gli argomenti che tratteremo in questo articolo:

CAPACITA’ E COMPETENZE RELAZIONALI:SE NON LE HAI E’ UN DISASTRO

La mancanza di capacità e competenze relazionali genera problemi enormi. La carenza di queste skill infatti:

  • Genera un forte spreco  di opportunità, legato all’incapacità di comunicare efficacemente le tue idee, i vantaggi dei tuoi prodotti/servizi , i problemi che puoi risolvere/evitare o i privilegi che hai rispetto alla concorrenza. Tutto ciò porta a bruciare  enormi entrate possibili;
  • Annienta la possibilità di capire bisogni ed aspettative dei tuoi interlocutori. E di entrare in empatia con loro e di risultare simpatici. E quindi di generare nuovi clienti,amicizie o collaboratori.
  • Distrugge i rapporti personali e professionali e ti fa perdere amici e colleghi. E clienti, che ti abbandonano, rendendo impossibile la loro fidelizzazione;
  • Rende mortali le presentazioni di prodotti e servizi, che risultano noiose e/o poco convincenti;
  • Azzera la capacità di negoziare, portando al fallimento di trattative e compravendite;
  • Ammazza la collaborazione, la motivazione, l’impegno e la disciplina dei team di lavoro;
  • Danneggia la creatività e la capacità di problem solving dei team;

Per far capire meglio alcuni dei problemi di cui sopra, ti riporto sotto alcuni esempi:

ESEMPIO 1

L’ XYZ SRL è una PMI che produce prodotti e servizi innovativi. Al suo interno c’è l’area della progettazione e sviluppo, composta da sette persone, con a capo il dott. Rossi. Quest’ultimo è concentrato soprattutto sulla risoluzione delle questioni tecniche legate alla progettazione e malgrado i suoi sforzi enormi non riesce a gestire e sviluppare al meglio il team di lavoro.

I membri della squadra non ricevono quindi indicazioni chiare sul da farsi, i feedback sulla qualità del lavoro svolto sono a volte assenti e a volte fatti con modalità irritanti o umilianti per chi li riceve. I rapporti all’interno del team sono spesso conflittuali e non c’è collaborazione. I problemi non vengono affrontati in quanto spesso c’è mancanza di abilità nella comunicazione e il Problem Solving si riduce a uno scambio di accuse tra lavoratori.

Il responsabile delle risorse umane, il dott. Neri è distratto dalle pratiche di routine e comunica poco con il dott. Rossi. Così non ha pensato di aumentare queste skill programmando della formazione sulle capacità e competenze relazionali. In conseguenza a tutto ciò la soddisfazione dei clienti e le prestazioni dell’azienda ne risentono e c’è un malcontento diffuso.

ESEMPIO 2

Il sig. Verdi è un professionista che ha dei contatti diretti con i suoi clienti. Vende polizze assicurative per una nota azienda nazionale specializzata in questo campo. La sua capacità di essere chiaro, persuasivo e convincente con i suoi interlocutori è però molto limitata. Di conseguenza  le polizze vendute sono poche.

Inoltre quando i clienti chiedono delle delucidazioni o dei preventivi per dei servizi a lui poco conosciuti non riesce a dare delle risposte efficaci. E quando gli chiedono dei preventivi urgenti a volte risponde in modo scortese o irritante. Spesso lui non si accorge neppure di questo suo atteggiamento e delle reazioni che suscita nei suoi interlocutori. Alcuni suoi clienti per questo motivo l’hanno già abbandonato, come le sue speranze di aumentare le sue entrate e di comprarsi una macchina nuova.

DOMINA IL POTERE DELLE CAPACITA’ E COMPETENZE RELAZIONALI

Le capacità e competenze relazionali sono dei super poteri che puoi sfruttare in varie occasioni per raggiungere obiettivi davvero importanti. Queste sono   definite da due macro abilità: la capacità di comunicare efficacemente e la capacità di lavorare e relazionarsi al meglio con gli altri. Quando quest’ultima si riferisce all’ambito lavorativo viene anche chiamata Team work. E quindi scopriamo quali preziosi vantaggi si ottengono quando si hanno delle skill nella comunicazione e nel team work:

Se vuoi conoscere il tuo attuale livello di abilità e ottenere preziosissime informazioni per sviluppare queste abilità davvero importanti puoi fare il test che trovi più sotto.

L’EBOOK GRATUITO SULLE SOFT SKILL RELAZIONALI E SULLA COMUNICAZIONE PERSUASIVA

Scarica il PDF gratuito se vuoi capire quali sono gli strumenti per:

  • Potenziare la comunicazione per conversazioni efficaci e convincenti;
  • Imparare a comprendere intenti, aspettative e pensieri degli interlocutori osservando sguardi, segni,  posizioni e movimenti;
  • Suscitare interesse e seguito;
  • Trasmettere professionalità, fiducia, competenza;
  • Imparare a parlare in pubblico in modo efficace e convincente;
  • Fidelizzare il cliente;
  • Adattare la propria conversazione in base alle reazioni dell’interlocutore;
L’ebook gratuito in PDF per le skill relazionali e la comunicazione persuasiva

Rispondi alle seguenti poche e semplici domande per scaricare l'Ebook:

(clicca su AVANTI per iniziare)


QUAL E’ IL TUO LIVELLO NELLE SKILL RELAZIONALI? ECCO IL TEST

Visti gli enormi vantaggi per tutti ottenibili da adeguate capacità e competenze relazionali, si può affermare che è davvero importante conoscerle e svilupparle. Si perché queste abilità, come tutte le altre, si possono migliorare. Anche le persone che si sentono meno portate e che pensano di non essere in grado di poterlo fare, in realtà dispongono dei mezzi per diventare degli ottimi comunicatori. E individui in grado di condurre una vita, professionale e non, con ottime relazioni sociali.

Ovviamente il primo passo da fare per migliorare queste capacità e competenze relazionali è essere consapevoli da dove si parte. Devi cioè iniziare a valutare la tua situazione attuale, per capire se e dove devi migliorare. Puoi farlo attraverso il test che trovi qui sotto. Oltre ad una valutazione oggettiva della tua condizione presente ottieni anche tante preziose indicazioni per sviluppare queste abilità.

Quindi se vuoi fare un favore a te stesso e alla tua attività ti consiglio di fare questo test!

ECCO IL TEST PER VALUTARE LE TUE SKILL RELAZIONALI

Le quattro aree chiave delle capacità e competenze relazionali
Il test per valutare le tue skill relazionali

A CHI SONO NECESSARIE LE CAPACITA’ E COMPETENZE RELAZIONALI

Capacità e competenze relazionali, in un mondo evoluto e civile, dovrebbero essere presenti in ogni individuo. Ma ci sono delle categorie di persone che, per la professione che svolgono, ne hanno più bisogno. Sono quelle che hanno maggiori occasioni di venire in contatto con altri, quelle figure che svolgono un lavoro che presuppone una forte componente commerciale o di relazione con i colleghi. Che hanno quindi un contatto diretto con i clienti o che fanno parte di una squadra di lavoro. Quindi soprattutto commerciali, figure facenti parte di un team e professionisti che lavorano nei servizi, come ad esempio quelli assicurativi e bancari.


COME SVILUPPARE LE TUE CAPACITA’ E COMPETENZE RELAZIONALI

Bene, in questo capitolo ti spiegherò un pò più nel dettaglio quali sono le abilità e skill che devi sviluppare se vuoi avere delle capacità e competenze relazionali davvero ottime. Iniziamo con il ribadire che queste sono determinate da:

  • Una comunicazione efficace;
  • Un giusto atteggiamento e la capacità di team work;

Vediamoli!

LA COMUNICAZIONE EFFICACE

Avere competenze nella comunicazione e sapere quali sono le caratteristiche di una comunicazione efficace è uno dei primi requisiti che dobbiamo avere per relazionarci al meglio con gli altri. Dobbiamo quindi conoscere i tre livelli della comunicazione e fare in modo che ci sia coerenza tra loro. Dobbiamo poi conoscere le sette C, o sette caratteristiche della buona comunicazione.

Ma saper comunicare e relazionarsi al meglio con gli altri significa anche possedere altre abilità quali:

Capacità di negoziazione

Capacità di negoziazione significa essere in grado di condurre delle trattative che portano ad una soluzione vantaggiosa per entrambe le parti. Quindi una negoziazione WIN WIN, dove entrambe le parti ne escono vincenti e soddisfatte.

Carisma

Il carisma è un insieme di caratteristiche, abilità e comportamenti che rende interessanti, coinvolgenti, simpatici e ammirati. Chi lo possiede è quindi in grado di generare un seguito di persone disposte a supportarle e a lavorare con loro.

Capacità di persuasione

Sapere come convincere una persona significa possedere delle abilità nella comunicazione,  nel relazionarsi e nella comprensione dei punti di vista differenti al fine di avvicinare gli altri alle nostre opinioni, idee, progetti e obiettivi.

Ascolto attivo

Per ascolto attivo si intende l’abilità di un ascoltatore di dedicare la massima attenzione alla comunicazione (verbale, para verbale e non verbale) prodotta dall’interlocutore. Questo al fine di coglierne interamente e correttamente il significato. E’ necessario quindi interagire in modo rispettoso e interessato con l’interlocutore, dimostrando così coinvolgimento per l’argomento in discussione e/o il suo punto di vista.


IL RELAZIONARSI-IL TEAM WORK

Oltre alla comunicazione, per relazionarsi al meglio servono anche, come già accennato, un giusto atteggiamento e la capacità di team work, se si parla di relazioni in ambito professionale. Il giusto atteggiamento è definito da dei presupposti per una buona convivenza e delle buone relazioni sociali, mentre per esercitare un buon team work servono delle competenze specifiche. Vediamo quindi in dettaglio questi due argomenti.


I PRESUPPOSTI PER BUONE RELAZIONI

Per relazionarci al meglio dobbiamo innanzitutto imparare a metterci nei panni degli altri, a capire il loro punto di vista, i loro bisogni e le loro aspettative. E cercare di trasformare ogni incontro in un’opportunità di soddisfare la persona che abbiamo di fronte. Le nostre relazioni e i nostri rapporti commerciali ringrazieranno.

Non dobbiamo permettere a nessuno di allontanarsi dalla nostra presenza, senza sentirsi migliore e più felice.

Madre Teresa di Calcutta

Frase alquanto efficace che descrive al meglio quale deve essere il nostro focus quando ci relazioniamo con clienti, colleghi e amici.

Vediamo ora quali sono i presupposti e le condizioni minime necessarie che ci devono essere affinché si possano sviluppare buone relazioni.

RISPETTO

Rispettare gli altri, che siano clienti, colleghi o amici, significa considerare degna di considerazione e attenzione ogni loro idea, necessità, bisogno, punto di vista o sforzo compiuto per svolgere una determinata attività. Che sia stata fatta secondo i nostri gusti o meno. La cosa bella è che quando tu inizi a comportarti così, è probabile che la cosa diventi reciproca. E se c’è un mutuo rispetto diventa molto più facile lavorare insieme e ottenere ammirazione, seguito e fedeltà.

COMUNICAZIONE

Tutte le buone relazioni si formano grazie ad una buona comunicazione. Quest’ultima è quindi fondamentale. Bisogna cercare di comunicare in modo onesto, aperto e rispettoso sempre, che lo si faccia di persona, via mail, per telefono o con qualsiasi altro mezzo.

FIDUCIA

Quando sai che ti puoi fidare di qualcuno puoi agire e comunicare con lui in modo più aperto e onesto. Questo ti porta ad avere rapporti migliori, sia professionali che privati. Infatti comunicazioni più aperte e sincere portano a conoscersi meglio, a capire maggiormente i problemi, bisogni e aspettative dell’altro. E quindi sviluppare maggiore empatia e capacità di aiutare l’altro.

ACCOGLIERE LE DIFFERENZE

Quando si usano le differenti competenze, vedute e approcci in modo costruttivo, si riescono a trovare soluzioni originali, innovative ed efficaci. Avere buone relazioni con i colleghi vuol dire quindi anche sapere accogliere come un elemento positivo le differenze presenti all’interno di una squadra.

PRENDERSI LE PROPRIE RESPONSABILITÀ  

Ciò significa essere onesti nei comportamenti e prendersi le proprie responsabilità nei confronti di clienti o colleghi. Quindi bisogna imparare ad ammettere i propri errori. Ma anche a non diffondere negatività con le proprie parole o azioni, ma al contrario cercare di creare positività e ottimismo.


LE COMPETENZE SPECIFICHE PER IL TEAM WORK

Per il Team work invece, o lavoro di squadra, servono delle capacità e competenze specifiche per creare un team efficace, affiatato e performante. Queste sono:

CAPACITA’ DI SVILUPPO DEL TEAM

Cioè la capacità di creare una squadra con i componenti giusti, con le competenze appropriate. Sia quelle specifiche della mansione che quelle per relazionarsi al meglio con gli altri. Significa anche possedere la capacità di far crescere nel tempo questa squadra, rendendola sempre più efficace e unita.

CAPACITA’ DI FEEDBACK

Saper dare dei Feedback ai propri collaboratori o colleghi è fondamentale per mantenere alto il coinvolgimento, l’impegno e la capacità di migliorare continuamente le performance.

PARTECIPAZIONE E PRESENZA VISION

La capacità di creare partecipazione, coinvolgimento e seguito è fondamentale per avere un team produttivo e quindi efficace nell’ottenere dei risultati e raggiungere obiettivi importanti. La presenza e la diffusione di una vision e una mission fatte bene aiuta molto nell’ottenimento di questa condizione positiva.

LA MOTIVAZIONE

Anche la capacità di motivare al meglio le persone è un’abilità davvero importante per ottenere dei team produttivi ed efficaci. Ogni persona è diversa dalle altre e viene motivata in modi differenti. E’ importante quindi approfondire la conoscenza delle persone che compongono il team di lavoro e capire con quali modi motivarle al meglio. In genere il risultato migliore si ottiene attraverso un mix di motivazioni intrinseche ed estrinseche. Sai quali sono?

GESTIONE DEI CONFLITTI

All’interno di una squadra i conflitti non devono essere visti come un qualcosa da evitare assolutamente. Ma anzi possono essere visti come uno strumento per far uscire diverse prospettive, idee e valori. Che possono essere utili alla squadra per crescere. Bisogna però imparare ad incanalarli nel giusto modo per far sì che siano costruttivi e non diventino motivo di malcontenti e peggioramento delle prestazioni.

CAPACITA’ DI DEFINIRE RUOLI E STRUTTURA DEL TEAM

E’ importante che vi siano, all’interno di una squadra, membri con caratteristiche, valori e competenze diverse. E’ la forza di un team eterogeneo, che porta a risultati straordinari. Ed è importante che ad ogni elemento venga assegnato un ruolo adatto alle sue caratteristiche. In questo modo si sfruttano le differenze e si massimizzano le prestazioni della squadra. Se vuoi uno strumento per definire esattamente chi fa che cosa ti consiglio di leggere l’articolo e scaricare la matrice RACI.

SVILUPPO DEI MEMBRI DEL TEAM

Se vuoi costruire una squadra davvero efficace devi lavorare costantemente sulla crescita professionale e personale dei suoi membri. Di qualsiasi livello e di tutti i ruoli. Tutti abbiamo bisogno di migliorare, sempre. Nessuno si deve sentire arrivato. Ovviamente le competenze che vanno sviluppate sono quelle funzionali al raggiungimento degli obiettivi, della vision e mission della squadra. La formazione è lo strumento da utilizzare allo scopo. Inoltre questa si propone di innovare e generare motivazionefiduciasperanzaottimismocollaborazione  e solidarietà.
Arie De Geus (autore di “L’azienda del futuro“) ha detto:
“LA CAPACITÀ DI APPRENDERE PIÙ VELOCEMENTE DEI VOSTRI CONCORRENTI POTREBBE ESSERE IL SOLO VANTAGGIO COMPETITIVO CHE AVETE“
Leggi questo articolo per capire tutti i vantaggi della formazione. 
Inoltre se vuoi capire come gestire al meglio le competenze del team e scaricare la skill matrix, lo strumento per farlo, clicca qui.

COMPRENSIONE E COLLABORAZIONE

Il consenso, la coerenza, e l’andare d’accordo sono fondamentali affinché una squadra sia efficace e produca dei risultati superiori alla somma dei risultati dei singoli membri. Bisogna quindi cercare di creare unità su obiettivi e priorità del team. Ci deve essere coesione e chiarezza su quali sono le questioni e i lavori importanti che il team deve affrontare.


Questo è tutto. Se vuoi ringraziarmi per il tempo speso per la condivisione gratuita di questo contenuto dammi un feedback con una tua valutazione cliccando da 1 a 5 stelline delle stelline che trovi sotto.
Se inoltre pensi che può essere d’aiuto a qualcuno dei tuoi conoscenti, condividi l’articolo cliccando sulle icone social che trovi più sotto.
Grazie

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here